Categoria

obbligo compilazione

  1. Cosa indicare l'anno successivo a quando si cambia datore di lavoro

    Quando si cambia datore di lavoro (sostituto d'imposta) è importante che l'anno successivo alla variazione, ovvero al momento della compilazione del modello 730, comunicare al Caf o al commercialista, qual è il nuovo datore di lavoro.

  2. Quali sono i familiari a carico

    I familiari da considerarsi a carico, cioè quei componenti della famiglia che non lavorano e non hanno altri redditi, la cui sussistenza fa capo a chi invece percepisce un reddito, sono il coniuge, i figli e altri familiari quali i genitori, i discendenti dei figli, i fratelli, i nonni e i suoceri.

  3. Reddito di lavoro dipendente e/o pensione

    Il quadro dei redditi di lavoro dipendente e/o pensione, nella dichiarazione dei redditi, viene compilato recuperando una serie di informazioni che sono indicate sulla CU (certificazione unica ex cud) che sono indicate precisamente nella seconda pagina, nella sezione dei dati fiscali e ritenute.

  4. Compilazione 730 senza datore di lavoro

    Si può compilare il modello 730 senza datore di lavoro solo in determinati casi, e quindi anche se non si ha più un datore di lavoro che possa liquidare il rimborso.

  5. Altri redditi del quadro C del modello 730

    Le altre tipologie di reddito da inserire del quadro C del modello 730 se ricevute parallelamente al lavoro dipendente, generano una situazione di obbligatorietà alla compilazione dei modelli dichiarativi.

  6. La scelta 8 per mille 5 per mille e 2 per mille

    La scelta 8 per mille 5 per mille e 2 per mille viene espressa con la dichiarazione dei redditi dai contribuenti.La scelta dovrà essere espressa con il modello 730/2018 o con il modello Redditi PF e gli enti destinatari del contributo Irpef sono quelli individuati dalla legge.

  7. Elenco principali scadenze per la dichiarazione dei redditi

    Le principali scadenze per la dichiarazione dei redditi in ordine di data sono molteplici e sono di seguito elencate in ordine di data. Possono subire delle variazione in base alle problematiche e ai ritardi che lo Stato e gli intermediari si trovano ad affrontare.

  8. Casi con obbligo presentazione quadro RW

    I casi in cui esiste l' obbligo alla presentazione del quadro RW sono quelli in cui i contribuenti risultano in possesso di attività finanziarie e/o patrimoniali in uno Stato estero.

  9. Locazioni con cedolare secca

    Le modalità applicative della cedolare secca sono essenzialmente legate al presupposto fondamentale di dare in locazione un' immobile con finalità abitative e dal 2019 anche per la categoria di immobile C1 con superficie fino a 600 mq.

  10. Locazioni brevi

    Le locazioni brevi vanno dichiarate nel modello 730 o nel modello redditi PF. A partire dal 1 giugno 2017 è stata introdotta un’apposita disciplina fiscale per gli affitti di immobili ad uso abitativo anche turistico e la cui durata non supera i 30 giorni. I 30 giorni sono considerati in base ad ogni singolo contratto.

  11. Residenza anagrafica o domicilio

    La residenza anagrafica è luogo dove il contribuente è residente, generalmente coincide con il domicilio, cioè con luogo dove dimora ed ha i suoi interessi economici e familiari

  12. Nessun obbligo a compilare la dichiarazione dei redditi

    Quando non si è obbligati alla compilazione e quindi presentazione della dichiarazione dei redditi e perché eventualmente decidere comunque di farlo, altrimenti risulterebbe omessa dichiarazione

  13. Disponibile il modello 730 precompilato

    Sarà messo a disposizione dei contribuenti, dal 30/4/2024 sul sito dell'Agenzia delle Entrate, il modello 730 precompilato. A partire dal 14/5 fino al 30/9 potrà essere accettato, modificato e/o integrato.

  14. Obbligo a compilare la dichiarazione dei redditi

    Quando si è obbligati alla compilazione e quindi presentazione della dichiarazione dei redditi di seguito una breve spiegazione dei motivi principali

  15. Quando si cambia datore di lavoro nell'anno

    Quando si cambia datore di lavoro l'anno stesso della variazione, se avviene entro settembre/ottobre, si può chiedere, al “vecchio” datore di lavoro, la stampa di una CU (ex cud), da consegnare al “nuovo” datore di lavoro.

  16. Cambio del datore di lavoro dopo la scadenza del 730

    Se il cambio del datore di lavoro avviene successivamente alla scadenza della compilazione della dichiarazione dei redditi, quindi dopo luglio, basterà comunicare, l'anno successivo al caf o commercialista, qual è il nuovo datore di lavoro.

  17. Detrazione dei familiari a carico

    La detrazione per familiari a carico è quell'importo del proprio reddito su cui non vengono calcolate le tasse; è fissato dalla normativa vigente, ogni lavoratore dipendente o pensionato ne ha diritto.